Recetas

Riso secco del Cabanyal, per Alejandro del Toro
27 dicembre, 2017 / ,

Lo chef Alejandro del Toro apre le porte della sua cucina a HeyValencia e ci racconta come cucinare il tradizionale Riso Secco del Cabanyal, ispirato nel quartiere di pescatori dove lui è nato. La base di tutto, uno excelente brodo di pesce elaborato con dei frutti di mare e altri ingredienti di prossimità (e cioè dello stesso quartiere e mercati tradizionali).

TEMPI DI ELABORAZIONE:
60-70 minuti

ARROZ SECO DEL CABANYAL, POR ALEJANDRO DEL TORO

INGREDIENTI:

Cicale di mare (squilla mantis)
Granchi
Gamberi bianchi
Gamberi rossi
Zucca
Aglio
Paprica
Pomodorini
Ñora
Olio d’oliva
Zafferano
Acqua
Sale

PREPARAZIONE:
Soffriggere con olio d’oliva le cicale, i granchi e i gamberi bianchi finché lascino tutto i loro succo e sapore. Una volta siano belli dorati i crostacei, si versa l’acqua e si lascia bollire e riposare come una infusione. Una volta fatto questo, avremmo pronto brodo di pesce o fumet.

ARROZ SECO DEL CABANYAL, POR ALEJANDRO DEL TORO

Ora si prepara la salmorreta, una mescolanza fatta con i pomodori, l’aglio fritto, paprica, lo zafferano e le ñore (previamente idratate).

Allo stesso tempo, in una paella, versiamo un filo d’olio, e soffreghiamo la zucca tagliata in piccole palline, dei gamberi già pelati ed una ñora. Riserviamo questi ingredienti da una parte e arriva il momento di soffriggere il riso e aggiungere la salmorreta. Il chef ha scelto il riso de l’Albufera per questa ricetta.

Immediatamente si versa il brodo di pesce, circa il due parti e metà del brodo per una parte di riso e lo lasciamo bollire per 5 minuti a fuoco forte. Poi abbassiamo il fuoco e si lascia bollire durante 12-14 minuti e si aggiungono le palline di zucca, i gamberi pelati e gli altri ingredienti che avevamo riservato.

ARROZ SECO DEL CABANYAL, POR ALEJANDRO DEL TORO

ARROZ SECO DEL CABANYAL, POR ALEJANDRO DEL TORO

Ad Alejandro del Toro piace finire i suoi risi con un colpo di forno di 5 minuti circa. Se non abbiamo un forno sufficientemente grande per farlo, basta avere cura di non superare i 17-18 min sul fuoco. Lasciamo poi riposare in padella 3-4 min con il fuoco spento e pronto!

ARROZ SECO DEL CABANYAL, POR ALEJANDRO DEL TORO

ARROZ SECO DEL CABANYAL, POR ALEJANDRO DEL TORO

Chi assaggia la ‘titaina’ se ne innamora!
6 luglio, 2017 / ,

È importante usare ingredienti freschi e di qualità. Non usare prodotti in scatola e, se possibile, acquista i prodotti della nostra terra e la ‘tonyina de sorra’ (ventresca di tonno sotto sale) prima di tornare a casa. Noterai sicuramente la differenza!

INGREDIENTI:

1 kg di pomodori maturi
1 peperone rosso
1 peperone verde
Olio d’oliva
3 spicchi d’aglio
75 g di pinoli
400 g di “tonyina de sorra”
Sale e zucchero

PREPARAZIONE :

Fai dissalare la “tonyina de sorra” la notte precedente, lasciandola in acqua. In seguito, sminuzzala e lasciala riposare un po’ prima di farla soffriggere con l’olio. Pela e trita i pomodori e mettili da parte. Trita l’aglio e mettilo in una padella con dell’olio e i pinoli. Aggiungi la “tonyina” e falla rosolare leggermente a fuoco medio. Ritira il tutto. Nello stesso olio, aggiungi i peperoni tagliati e falli rosolare, senza farli ammorbidire. Ritira il tutto e, per concludere, fai cuocere i pomodori nello stesso olio per fare amalgamare i sapori. Quando i pomodori sono cotti, unisci tutti gli ingredienti e fai cuocere altri cinque minuti. Ritira dal fuoco e lascia riposare. La “titaina” può essere usata come contorno o sulla tipica “coca” valenciana.

Testo di: Carol Vegas @carolinavegaslife
Fotografie di “Titaina” preparati al Ristorante L’Establiment

Granita di caffè
5 luglio, 2017 / ,

INGREDIENTI:

6 tazzine di caffè espresso
Scorza di limone
Zucchero in base ai gusti

PREPARAZIONE:

Per ottenere un buon sapore, usa un caffè intenso.
Lascia il caffè in freezer per 90 minuti.
Tiralo fuori e tritalo con un frullatore a immersione. Ripeti
l’operazione altre due volte a distanza di 30 minuti.
Servi la granita con del caffè espresso freddo o con del latte meringato.

Testo di: Carol Vegas @carolinavegaslife

Granita di limone
5 luglio, 2017 / ,

INGREDIENTI: (per un litro)

3 limoni
200 g di zucchero
750 ml di acqua

PREPARAZIONE:
Grattugia la scorza dei limoni. In seguito, spremili e unisci il succo, la scorza grattugiata e lo zucchero.
Fai bollire il tutto per 7 minuti a fuoco medio-alto, fino a quando non si riduce quasi fino a metà. Aggiungi l’acqua fredda.
Metti la granita in freezer e, dopo un’ora, tirala fuori e mescolavper bene. Ripeti l’operazione altre due volte e la granita è pronta.

Testo di: Carol Vegas @carolinavegaslife

Latte meringato
5 luglio, 2017 / ,

INGREDIENTI:

1 litro di latte
140 g di zucchero
30 g di zucchero a velo
4 albumi d’uovo
Cannella in rametto
Scorza di limone

PREPARAZIONE:

Riscalda il latte con la scorza di limone e la cannella.
Quando bolle, aggiungi lo zucchero e mescola.
Fai raffreddare senza rimuovere il limone e la cannella.
Una volta raffreddato, cola il liquido e lascialo in frigorifero per diverse ore.
Monta gli albumi e lo zucchero a velo a punto di neve.
Mescola e aggiungi una pallina alla granita di caffè.
Che delizia!

Testo di:: Carol Vegas @carolinavegaslife

‘Clóchinas’ valenciane al vapore
1 giugno, 2017 / ,

INGREDIENTI:

1 kg di “clóchinas”
1 limone Paprica
2 spicchi d’aglio
1 peperoncino rosso (opzionale) Olio d’oliva
1 foglia d’alloro

PREPARAZIONE :

Pulisci bene le cozze (“clóchinas”) con un coltello, per eliminare i peli e le impurità. Lava gli spicchi d’aglio e, senza sbucciarli, applica un colpo secco con la costa del coltello per aprirli un po’. Lava e taglia il limone in otto parti.

In una pentola alta inserisci le “clóchinas” pulite, il limone, gli spicchi d’aglio, un pizzico di paprica, il peperoncino rosso (se decidi di usarlo), un bel getto d’olio, un po’ d’acqua e la foglia di alloro.

Chiudi la pentola e cucina a fuoco medio per circa 15 minuti o fino a quando le “clóchinas” non si aprono completamente.

Spegni il fuoco e lascia riposare alcuni minuti. Sistema il tutto in un piatto fondo e servi caldo. Ricetta indicata come aperitivo e piatto principale.

Consiglio: puoi servire il brodo con le “clóchinas” o metterlo da parte e usarlo come “fumet”, il brodo di pesce per il riso. Una volta cucinate, le “clóchinas” si possono surgelare.

Testo di: Carol Vegas @carolinavegaslife

Articolo Correlato: La ‘clóchina’, la cozza dei porti di Valencia e Sagunto

‘Coca de Llanda’
1 giugno, 2017 / ,

Lavorazione pasticcera

Si tratta di uno dei dolci più tradizionali della merenda valenciana. Grazie alla sua semplicità, la ricetta è stata tramandata dalle nonne alle mamme, fino alle figlie, e il suo nome deriva dal termine “llanda”, il recipiente di alluminio rettangolare in cui viene informata.

INGREDIENTI:

3 uova
250 ml di latte
125 ml di olio di oliva leggero
400 g di zucchero
250 g di farina
Scorza di limone grattugiata
4 bustine di bicarbonato di soda o lievito per dolci

PREPARAZIONE :

Mischia la farina setacciata, lo zucchero, la scorza di limone grattugiata, il bicarbonato o il lievito e, una volta amalgamato il tutto, aggiungi i tre tuorli d’uovo sbattuti con il latte e l’olio. Mescola bene fino a formare una massa omogenea e cremosa.

In un altro recipiente, monta gli albumi a neve e aggiungili al miscuglio preparato in precedenza in modo delicato (movimenti avvolgenti), per evitare di far scendere gli albumi. In seguito versa il tutto in un vassoio ricoperto di carta da forno unta. Spolvera la parte superiore con un mix di zucchero e cannella.

Preriscalda il forno a 180 °C e informa il vassoio per 20-25 minuti o fino a quando la torta non diventa dorata in alto. Per verificare, inserisci uno stuzzicadenti e, se viene fuori asciutto, la torta è pronta.

Testo di: Carol Vegas @carolinavegaslife

Horchata con ‘farton’
5 maggio, 2017 / ,

L’horchata (‘orxata’ in valenciano) è una delle bevande valenciane per eccellenza. La peculiarità dei ‘farton’ è caratterizzata dal fatto che vengono inzuppati nell’horchata

RECETA HORCHATA

INGREDIENTI:
250 g di chufa
1 litro di acqua molto fredda
100 g di zucchero a velo

PREPARAZIONE :
Lava le chufa e mettile a bagno in acqua. Lasciale in frigo per 12 ore.
Falle scolare e lavale nuovamente.
Tritale con 200 ml di acqua fredda fino a ottenere un liquido bianco.
Spremile su una ciotola usando un colino o un panno sottile.
Estrai il massimo del liquido possibile dalle chufa. Aggiungi il resto dell’acqua fredda e lo zucchero e mescola.

RECETA “FARTON”

Fai diluire 50 g di lievito in 100 ml di acqua. Mescola 600 g di farina con il lievito, 100 g di zucchero e 2 uova.
Aggiungi 100 ml di olio e un cucchiaino di sale. Crea un impasto omogeneo e lascialo riposare fino a quando non raggiunge il doppio del volume.
Crea delle palle con l’impasto e, su un piano spolverato di farina, fai rotolare le palle per allungarle.
Metti i “farton” su un vassoio da forno unto con del burro.
Inserisci il vassoio nel forno precedentemente riscaldato a 180 °C e informa per circa 15-18 minuti, fino a quando i “farton” non si dorano sulla parte superiore.
Mescola 150 g di zucchero a velo e 50 ml di acqua tiepida fino a ottenere uno sciroppo spesso.
Spennella i “farton” mentre sono ancora caldi.

Testo di: Carol Vegas @carolinavegaslife