I Borgia, una famiglia valenciana universale

I Borgia, una famiglia valenciana universale

La Via dei Borgia

La Via dei Borgia è un’esperienza unica che ripercorre lo splendore della famiglia valenciana più potente d’Europa nel XV e nel XVI secolo

La famiglia Borgia ha lasciato un’impronta indelebile nella storia universale. Sin dalle origini valenciane, i Borgia hanno esercitato un’influenza decisiva in tutte le sfere del potere, sia politico che religioso, distinguendosi come nobili, principi, mecenati, consiglieri di re, papi e santi. Una stirpe potente e avvolta nell’ambizione, nell’intrigo, nella leggenda e nel mistero.

Callisto, Alessandro, Cesare, Lucrezia, Francesco… Una famiglia che contribuì a creare una grande leggenda e il mito dei Borgia, famoso in tutto il mondo. Il periodo dei Borgia è il Rinascimento, l’era dell’arte, della nuova cultura umanistica e delle scoperte. I Borgia avevano un’idea del potere e del modo in cui esercitarlo realmente moderna. La famiglia introdusse a Valencia l’arte rinascimentale e un impressionante patrimonio storico, culturale e artistico, ancora presenti in un appassionante percorso delle belle arti con oltre 600 anni di storia.

La Via dei Borgia

La Via dei Borgia è un’esperienza unica che ripercorre lo splendore della famiglia valenciana più universale e potente d’Europa nel XV e nel XVI secolo. Seguire il suo percorso equivale ad assistere a un emozionante spettacolo all’insegna dell’arte, del paesaggio, della storia e della cultura.

Nella città di Valencia, la Via dei Borgia si presenta in tutta la sua esuberanza nella chiesa di San Nicolás, i cui sontuosi affreschi formano quella che è stata ribattezzata la Cappella Sistina valenciana. Nella Cattedrale, i Papi Borgia fecero costruire la maestosa cappella di San Pedro e incaricarono l’esecuzione degli squisiti affreschi rinascimentali degli angeli musicanti, ammirati in tutta Europa. Nella cappella dedicata a San Francesco Borgia si possono ammirare due eccellenti tele di Goya. Le orme dei Borgia percorrono anche il Palacio de les Corts Valencianes, residenza della famiglia, e l’Università.

Xàtiva e Canals rappresentano la culla dei Borgia. A Canals è possibile ammirare la Torre de los Borja, luogo in cui nacque Papa Callisto III nel 1378. Di fronte alla Torre troviamo l’Oratorio, che fa parte del complesso del palazzo. In un’attraente piazza di Xàtiva si conserva la casa in cui è nato Rodrigo Borgia. Il patrimonio artistico prosegue nella Collegiata, nelle chiese di San Francisco e di San Pedro, dove fu battezzato Alessandro VI, nel Museo delle Belle Arti, nel Palau, nel convento di Santa Clara, nell’eremo di Santa Ana e nell’inespugnabile castello, testimone e belvedere imponente della storia.

A Gandia, ai bordi del Mediterraneo, il Palacio Ducal è un ammirevole complesso architettonico e il monumento dei Borgia più raffinato. Qui è nata la maggior parte dei duchi Borgia e dei rispettivi discendenti, tra cui San Francesco Borgia nel 1510. Da segnalare il Salón de Coronas, l’Oratorio del Santo e la Galería Dorada, che ipnotizza i visitatori con la sua bellezza. A Gandia, l’eredità dei Borgia è evidente nella Collegiata, nel convento di Santa Clara e nell’Università.

Questo appassionante percorso passa anche per Albaida, luogo in cui si stabilì il nipote di Luis Juan de Milá y Borja, che iniziò la costruzione di un palazzo fortificato che s’innalza imponente nel centro della villa. Un altro edificio da citare è il palazzo dei Sanz, situato nel paesino di Vallès. La Via dei Borgia offre monumenti, patrimonio, ricca gastronomia e fantastici paesaggi, come ad esempio a Castelló de Rugat, dove si conservano i resti del Palacio Ducal.

Llombai è stata una baronia acquisita dal cardinale Rodrigo Borgia per suo figlio Pedro Luis. In questo paese si può ammirare l’Iglesia de la Santa Cruz, integrata nel convento domenicano. A Llombai si celebra una ricreazione storica nota come il Mercato dei Borgia, che riceve centinaia di visitatori.

La Via dei Borgia ci offre anche due monasteri, autentiche cattedrali rurali dell’arte e del raccoglimento, San Jerónimo de Cotalba ad Alfauir e Santa Maria de Simat nella Valldigna.

Fonte/Testo di: Agència Valenciana del Turisme.

(Visited 888 times, 1 visits today)
2 maggio, 2017 / ,
Comments

Comments are closed here.